FreeWheeling Dolomites

dolomiti-inverno / sci-safari

ski-safari personalizzato da 2 a 9 giorni

All inclusive

Questo Ski-Safari compie un anello ideale che ci consentirà di sciare al cospetto dei colossi Dolomitici come la Civetta, la Marmolada, le Tofane, il Sella. Dopo aver sciato sotto le mitiche 5 Torri e nella zona di Cortina d’Ampezzo, ci sposteremo verso il gigantesco Sellaronda e i suoi famosi quattro passi. Durante la settimana faremo tappa in affascinanti rifugi, assaggiando le prelibatezze della cucina locale. La fine del nostro tour sarà da mozzare il fiato; partendo dalla vetta più alta delle Dolomiti, la Marmolada, scieremo fino a percorrere il canyon di Sottoguda, scoprendo le sue meravigliose cascate di ghiaccio: un esperienza insolita ed emozionante.

Focus

sci in pista, notti in rifugio.

livello richiesto

intermedio

tipo di ski safari
  • standard
  • exclusive
programma personalizzato

da 2 a 9 giorni

Info
Duration
Proposta personalizzata
Livello richiesto
standard o exclusive?
Trasporto Bagagli
Noleggio Sci
Esempio di ski-safari da 7 giorni

Arrivo a Sottoguda. Il paese, tra i borghi più belli di Italia, si trova vicino allo splendido lago di Alleghe, ai piedi della Civetta. Sottoguda è il punto di partenza e ritorno del nostro tour.  Accomodamento in Hotel dove la sera incontrerete la vostra guida UIAGM/IFMGA per il briefing.

Il tour inizia ai piedi di uno dei colossi dolomitici: il monte Civetta.  Le piste che percorreremo sono spesso poco affollate e su ottima neve; la vista sulla parete nord della Civetta e sul monte Pelmo ci accompagnerà durante tutto il giorno. Scesi a Pecol, in val Zoldan prenderemo un transfer che ci trasferirà nella zona sciistica delle 5 torri, dove troveremo ancora piste ma soprattutto un accogliente rifugio per la notte.

Dalle 5 Torri ci dirigeremo a Cortina d’Ampezzo: la sua famosa conca, circondata dalle montagne tra le più belle al mondo, è uno dei gioielli che questo Ski-safari offre. Ma non solo: oggi scieremo sulle piste delle Tofane, qui potremo affrontare la famosa pista di Ra Valles che, con un dislivello di oltre 1500 metri, ci offre una delle sciate più lunghe delle Dolomiti. Al pomeriggio tramite bus, al passo Falzarego e da lì in cima al Lagazuoi. Qui il rifugio Lagazuoi, (2800 metri di quota),ci accoglie con un panorama a 360°.

La giornata inizierà percorrendo una delle più spettacolari piste del tour: la lunghissima pista dell’Armentarola; essa ci sorprenderà con anfratti della prima guerra mondiale visitabili, cascate di ghiaccio e cavalli che trascinano gli sciatori alla fine di un incredibile sciata. Ci dirigeremo poi verso la Villa e la sua pista Gran Risa, famosa per la coppa del mondo di discesa libera, che ogni anno fa tappa qui. A questo punto ci dirigeremo verso Pedraces per concederci una visita all’antico monastero di Santa Croce, proprio in cima alle piste e un fantastico pranzo ladino.

Continuiamo con l’esplorazione della Val Badia: in mattinata scieremo attorno al villaggio di Corvara, la cui perla preziosa è sicuramente l’interminabile pista del Boè. Di seguito andremo alla caccia del sole, che il pomeriggio colora le pareti sovrastanti Colfosco di un bel rosso fuoco, tipico fenomeno dell’enrosadiria. E’ ora di dirigersi verso il Passo Gardena e le prossime tappe del tour.

Oltrepassato il passo Gardena, che divide la Val Badia dalla Val Gardena, esploreremo quest’ altra incantevole zona. Sotto l’impressionante mole del Sassolungo si snoda un’altra perla del circuito di Coppa del Mondo di sci: la pista Sasslong. Come se gli 80 impianti di risalita della valle non bastassero, ci dirigeremo verso l’Alpe di Siusi, per godere di nuovi incredibili panorami. Il tramonto, presso il piccolo rifugio Resciesa è uno dei più belli delle Dolomiti.

Attraverso il passo Sella e passo Pordoi abbandoneremo il Sud-Tyrolo per entrare in Trentino. Qua è la splendida vista sul Catinaccio che accompagnerà le nostre scorribande tra le piste perfettamente innevate della Val di Fassa, passando per i bei villaggi alpini di Campitello, Pozza di Fassa e Canazei.

E’ ora di far ritorno al punto di partenza, ma non prima di aver coronato questo incredibile tour con la salita e discesa dalla Marmolada. Questa montagna, coi suoi 3348 metri di altezza è la vetta più alta delle Dolomiti. Il suo impianto a fune ci offre una spettacolare salita lungo le sue vertiginose pareti rocciose, fino alla cima di Punta Rocca (3310 metri). Ciò che ci aspetta ora è una sciata di circa 2000 metri di dislivello lungo il ghiacciaio della Marmolada, percorso dalla pista rossa “Bellunese”. La ciliegina sulla torta sarà poi percorrere le gole di Sottoguda con gli sci: costellate di cascate di ghiaccio, queste gole sono un imperdibile spettacolo naturale. A questo punto non rimane che godersi una ricca cena accompagnata da ottimo vino per festeggiare questo indimenticabile tour.

Vorreste allungare lo ski safari di uno due o tre giorni? Nessun problema, ci mancano ancora le dolomiti di Sesto, la ski area di Passo San Pellegrino,  la zona del Faloria e di Passo Carezza!!

tabella prezzi qui.