FreeWheeling Dolomites

dolomiti-inverno / sci-alpinismo

3 giorni nel parco di Fanes

All inclusive

Le leggende tramandate per secoli che narrano della Val di Fanes, certamente parlano di un luogo il cui fascino misterioso è tutt’oggi irresistibile. Visitare questa valle di inverno è un privilegio da cogliere al volo! In effetti le montagne che circondano la valle sono un paradiso per lo sci alpinismo: qui, lontano dagli impianti, due accoglienti rifugi alpini rimangono aperti tutto l’anno e fanno da fortunata base di appoggio per le molteplici gite che da qui si possono effettuare. In questa pagina proponiamo di passare due notti al rifugio Lavarella per un programma ambizioso: 3 cime in tre giorni, con itinerari sempre in traversata!

 

 

tipo d attività

sci alpinismo intermedio

caratteristiche

2 notti e 3 giornate

dove

Parco naturale Fanes-Sennes-Braies

programma personalizzato

vedi “info”

Info
Durata
livello
PROGRAMMA PERSONALIZZATO
All- inclusive
ATTREZZATURA
La vostra Guida Alpina
Periodo
rimborso covid
giorno per giorno

PASSO FALZAREGO – RIFUGIO LAVARELLA

Il primo giorno partiamo dal passo Falzarego e sfruttiamo l’impianto che ci deposita in cima al Piccolo Lagazuoi. Da qui iniziamo subito a sciare, tracciando dei facili pendii sotto le impressionanti pareti del Fanes e Cima Scotoni. Arrivati nei pressi di un laghetto ghiacciato iniziamo una ripida salita in un canalone, che in breve ci porta a Forcella Dl Lech. Cambiato il versante risaliamo i bei pendii fino alla vetta di cima Scotoni.

A questo punto non ci rimane che togliere le pelli e godere della discesa su neve quasi sempre di ottima qualità. La giornata ci riserva ancora una piccola salita e rispettiva discesa fino al meritato ristoro presso il rifugio Lavarella.

DIFFICOLTA’: BSA, S2-S3

DISLIVELLO: salita 800 metri, discesa 900 metri.

RIFUGIO LAVARELLA – PIZ DE LAVARELLA 3055 metri (traversata)

In questa seconda giornata ci aspetta la salita al Piz de Lavarella: questo splendido 3000 domina  la Val Badia con il suo ripido versante Ovest, mentre, su quello est, si svolge il nostro itinerario di salita che prevede basse difficoltà tecniche, un lungo sviluppo, e un paesaggio di unica bellezza. Una volta raggiunta la croce di vetta e inforcati gli sci, ci porteremo all’ingresso della val Parom, che con i suoi pendii ci regalerà una sciata indimenticabile fino al rifugio Lavarella.

DIFFICOLTA’: BSA, S2-S3

DISLIVELLO: salita 1000 metri, discesa 1000 metri.

RIFUGIO LAVARELLA – PIZ DE SANT ANTONE (2655 metri) oppure sasso delle dieci (3026 metri) – LA VALLE

Nell’ultimo giorno ci aspetta una salita breve ma impegnativa: infatti una volta raggiunta facilmente  la forcella di Sant Antone, ci aspettano gli ultimi 200 ripidi metri fino in vetta. Qualora questo itinerario non fosse percorribile, l’alternativa è grandiosa: la salita al Sasso delle Dieci. In questo caso il dislivello totale oltepassa i 1000 metri ma sicuramente ne vale la pena! In entrambi i casi svalicheremo infine la forcella per abbandonare L’incantata Val di Fanes e rientrare al paese della Valle in Val Badia. Da qui con taxi si ritorna al Passo Falzarego.

DIFFICOLTA’: OSA oppure BSA, S2-S3

DISLIVELLO: salita 650 metri oppure 1200, discesa 1050 metri oppure 1300.